USCITA TECNICA A DUINO DELLA 2 A5, 2B5, 2C5, 2D5

TRA PAESAGGI E RICORDI

Toccare con lo sguardo le coste slovene è stata un’emozione non da poco. Percorrendo il panoramico sentiero Rilke a picco sul mare per circa 2 km tra le falesie siamo giunti al Castello di Duino. Visitando le sue sale e fotografando i suoi interni abbiamo fatto un tuffo nel passato sentendo l’eco di pagine di storia. Ci ha colpiti la maestria strategica del bunker costruito sotto il castello ai tempi della Seconda Guerra Mondiale. Altre diverse emozioni si sono sprigionate entrando nella Risiera di San Sabba, antica fabbrica per la pilatura del riso, poi venduta e quindi adibita a campo di polizia tedesco e poi a luogo di prigionia e di morte. Sebbene parzialmente distrutta dai tedeschi in fuga e ristrutturata dall’architetto Boico nel 75/76 ancora oggi sono visibili le celle da cui sembra sentire le urla disperate dei prigionieri; da quegli angusti buchi riaffiora quel sentimento di pena e rabbia per il triste destino di molti uomini, donne e bambini che innocentemente hanno subito violenza, la privazione della libertà e dell’identità della propria persona per un’idea che non ha trovato e non trova alcuna ragione di esistere: per non dimenticare…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *